"Per me, essere mentalmente sani significa avere il controllo della propria vita, invece di limitarsi a esistere".

Serie "L'universo dentro di me" con Giorgia | 12th Dec 2023

Un singolo litigio con il padre è stato il punto di svolta della sua vita. Giorgia, di solito calma e pacata, è letteralmente esplosa. "All'epoca ebbi uno scatto d'ira nei confronti di mio padre che ritenevo molto atipico di me. Credo che tutto si stesse accumulando: dovevo finire l'università e non sapevo cosa fare dopo. Mi sentivo un po' persa, incompresa e sentivo anche di non aver quasi mai ricevuto alcun riconoscimento dai miei genitori, quindi sono scoppiata".

**Aiuto, cosa mi sta succedendo?

Giorgia aveva raggiunto un punto della sua vita in cui non si riconosceva più. L'idea di iniziare terapia era ovvia per lei, visto che studiava psicologia e che molti dei suoi compagni di corso si rivolgevano regolarmente ad uno psicologo. Ciò significa che Giorgia non ha avuto problemi a ricevere raccomandazioni, che l'hanno condotta al suo primo terapeuta: un giovane uomo di 30 anni, ma non sarebbe rimasta con lui a lungo.

"Non mi sentivo affatto a mio agio. Forse lo vedevo troppo simile a mio padre, che non è molto empatico, e quindi non riuscivo a fidarmi del tutto di lui per capire cosa stesse succedendo dentro di me. Col senno del poi, ho la sensazione di essermi immaginata tutto. Ma sono comunque felice di essere passata ad una donna. Avevamo più cose in comune e avevo la sensazione che fossimo più adatte a l'un l'altra".

"Ho sempre lottato con un cattivo rapporto con i miei genitori e una bassa autostima che mi ha letteralmente paralizzato ".

In terapia, Giorgia ha lavorato con la sua psicoterapeuta per andare alla radice della sua rabbia repressa nei confronti dei genitori, finché non si è improvvisamente imbattuta in un problema molto più profondo e più ampio: la sua bassa autostima e sensazione di essere inutile e indegna di amore.

"All'inizio della terapia, mi sentivo come se stessi facendo dei monologhi senza fine. Cercavo disperatamente risposte e soluzioni e non ero contenta di come stavano andando le cose. Non vedevo alcun senso nelle mie sedute, parlavo e parlavo, finché un giorno la mia terapeuta mi fece una semplice domanda su un argomento di cui stavo parlando e io scoppiai in lacrime, come una cascata. Quello è stato il momento in cui ho iniziato a fidarmi davvero del processo".

#####"La terapia aiuta anche a risolvere i problemi quotidiani ".

Durante le sedute, Giorgia non solo ha conosciuto meglio se stessa, ma ha anche imparato ad assumere il punto di vista delle persone che la circondano e quindi a comprendere meglio il loro comportamento. Grazie alla sua laurea in psicologia, era già convinta del successo di vari metodi terapeutici. Ma quando Giorgia ha visto quanto è migliorata la sua qualità di vita grazie alle sedute, ha iniziato a consigliarle ancora di più.

"La reazione iniziale della mia famiglia è stata: 'Ma non c'è niente di sbagliato in te'. Questa è la classica idea sbagliata sull'argomento. Molte persone pensano ancora che si debba essere 'pazzi' per andare in terapia. Per questo motivo non pensano che sia necessaria per se stessi e non ci credono veramente. Penso che sia difficile superare la diffidenza e i pregiudizi che si sono sviluppati nel corso delle generazioni. C'è anche la paura di fondo di ciò che potrebbe significare per la propria vita esprimere ad alta voce le proprie preoccupazioni e paure".

Tuttavia, molti amici di Giorgia, tra cui sua sorella, hanno seguito il suo consiglio e hanno cercato un aiuto professionale. A volte basta una sola persona intorno a te per eliminare il tabù. "Il rapporto con mia sorella è migliorato molto da quando entrambe siamo andate in terapia e abbiamo lavorato su noi stesse. Sono orgogliosa dei progressi che sono riuscita a fare e mi piace parlare del perché la psicoterapia o il coaching psicologico possono aiutare chiunque".

"Cerchiamo costantemente di cambiare qualcosa di noi stessi che pensiamo sia negativo. In realtà, spesso si tratta di tratti caratteriali che gli altri amano di noi ".

Anche molti punti di vista di Giorgia sono cambiati grazie alla terapia. "Sono andata in terapia per smettere di piangere così tanto per qualsiasi cosa. Ora ho imparato ad accettare che sono molto sensibile ed empatica, cosa che molti dei miei amici e familiari apprezzano. Ho anche capito che la mia autostima è soggetta a fluttuazioni. Non è importante che tutto sia perfetto: bisogna andare sulle montagne russe e accettare le fasi di stress come parte della vita".

Attualmente Giorgia non è più in terapia. Si è trasferita in Spagna e ora vive con il suo compagno, che le dà molta gioia e sostegno. "Ho avuto la sensazione di essere in una fase in cui non avevo più bisogno della terapia, quindi ho smesso. Ma vorrei comunque ricominciare perché mi rendo conto di quanto le sedute mi aiutino nella vita di tutti i giorni. Posso affrontare le piccole cose ed evitare che diventino problemi più grandi".

about-giorgia-image.jpg

Informazioni su Giorgia

Giorgia ha 27 anni e studia psicologia e criminologia. Ama stare in mezzo alla natura e le piace fare escursioni, arrampicate e viaggi. A Giorgia piace sperimentare cose nuove che la portino fuori dalla sua zona di comfort. È vegana, nostalgica e le piace cucinare, o almeno ci prova. Ama trascorrere il tempo libero con il suo ragazzo e il suo gatto, ma le piace anche coccolarsi con un libro. È un'italiana bilingue che vive in Spagna e sta imparando una terza lingua: il tedesco.

Rimanete aggiornati 👇

Se c'è qualcosa importante da annunciare, ci fa piacere informarti per e-mail. Se vuoi essere il primo a saperlo, iscriviti con il tuo indirizzo e-mail.

La vostra privacy è importante per noi. Massima protezione, mai spam.

Sarah from Aepsy

Aepsy ist menschliche Kreativität, Ästhetik und Technologie für einfachen, stigmafreien Zugang zu mentaler Gesundheit. Wir reissen Hürden ein und setzten Köpfe frei. Bis alle mental befreit ihren Träumen folgen können. Für uns, für dich und die Generationen nach uns.

Questo sito web utilizza i cookie.