Mignon Burkhart: "La soluzione ai problemi è spesso nascosta nella persona stessa"

Serie di ritratti Psicologi | 12th Dec 2023

Da adolescente si è resa conto di avere un forte interesse per la salute mentale e per le esperienze e le storie di vita di altre persone. È stato allora che Mignon Burkhart ha iniziato a divorare libri sull'argomento e ha deciso di studiare psicologia dopo gli esami di maturità.

Una decisione che è stata messa alla prova da un colpo del destino in famiglia, che l'ha costretta a riflettere attentamente su dove voleva andare e come ci sarebbe arrivata. Una situazione che, a posteriori, si è rivelata un grande dono, visto che era più che mai sicura della sua decisione e ha scoperto la sua passione per la psicologia. Dopo un periodo di inquietudine, ha poi deciso di completare la formazione come consulente di carriera per integrare ancora di più le nuove conoscenze nel suo lavoro.

Nonostante le interruzioni, ha proseguito il percorso per diventare psicologa e ha realizzato il suo sogno. In che modo la storia della sua vita l'ha influenzata in questo percorso?

Naturalmente la decisione ha (molto) a che fare con la mia personalità e la storia della mia vita. Mi piace aiutare le persone e mi sento a mio agio nel farlo. Ho anche una forte consapevolezza che nella vita ci possono sempre essere piccole e grandi crisi e che è bene e giusto cercare aiuto.

Naturalmente questo interesse non è nato dal nulla. Anche mia madre era psicoterapeuta, quindi ho imparato molto sull'importanza della psiche e su come affrontare le difficoltà psicologiche fin da piccola. Inoltre, in casa nostra c'era spesso spazio per persone in crisi. Questo mi ha lasciato un'impronta precoce che si è sviluppata fino a farmi desiderare di studiare psicologia.

Cosa ne pensa del potere del coaching e della consulenza psicologica?

In generale, è estremamente importante prendersi cura del proprio benessere, della propria anima e del proprio corpo. In caso di crisi, spesso non riusciamo a trovare una via d'uscita. Siamo troppo vicini alla situazione e non riusciamo più ad assumere il punto di vista di un osservatore obiettivo. Ci ritroviamo quindi sempre più incastrati in modelli di comportamento sfavorevoli che si accumulano in un circolo vizioso.

È proprio qui che intervengo come coach. Durante le conversazioni creo un'atmosfera sicura e confortevole, in modo che il cliente possa descrivere la sua situazione e trovare le parole per ciò che sta accadendo dentro di sé.

La soluzione al problema è spesso nascosta nella persona stessa. Posso quindi aiutare a scoprirla e a darle un nome. In questo modo, il coaching è un viaggio insieme.

Nell'ambito della mia formazione, ho potuto anche imparare come ci si sente a parlare di sé e a discutere dei propri problemi in sessioni individuali e di gruppo. È stato un processo di apprendimento molto prezioso assumere io stessa il ruolo di persona assistita e impegnarmi a fondo. Ho anche potuto imparare molto per il mio lavoro terapeutico e trovare il mio stile individuale. Credo fermamente che questa parte della formazione sia indispensabile.

In quali momenti apprezza di più il suo lavoro?

Amo lavorare con le persone, il dialogo, la discussione e il sostegno. Utilizzando esercizi e metodi diversi, possono nascere processi meravigliosi con molta creatività e spazio per il cambiamento. Non lo do affatto per scontato e c’è molta fiducia quando posso entrare in contatto con i clienti a un livello molto personale e condividere con loro aspetti del loro essere o della loro esperienza che il loro ambiente potrebbe non conoscere. Per me è molto importante creare uno spazio di apprezzamento, accettazione e rispetto. Voglio che i miei clienti si sentano al sicuro nella relazione terapeutica.

Come affronta lei stessa i momenti di difficoltà?

Per quanto riguarda la questione professionale, mi fa bene mantenere un dialogo professionale con i colleghi. Traggo beneficio dalla mia riflessione sulle conversazioni e dal contributo degli altri. Nel tempo libero mi piace meditare. Ho bisogno di ritiro e di pace, di momenti in cui posso semplicemente "essere". Anche la mia famiglia è molto importante per me, così come trascorrere del tempo con gli amici. Tutti questi aspetti mi fanno mantenere in equilibrio.

Per molte persone è difficile riconoscere quando può essere utile rivolgersi ad uno specialista. Come si riconosce che è arrivato il momento?

Nella nostra vita affrontiamo diverse sfide. Se vi rendete conto che non riuscite ad affrontarle da soli o che continuate a reagire con gli stessi schemi rigidi e siete insoddisfatti, vi aiuto a trovare una via d'uscita da questo circolo vizioso.

Con il coaching psicologico accompagno e aiuto le persone a incontrare se stesse. Questo è utile in molte situazioni per riconoscere i propri schemi, risorse e vulnerabilità. Insieme al cliente analizzo anche i suoi punti di forza e le strategie che utilizza (inconsciamente) per affrontare i problemi.

Spesso abbiamo bisogno di un fattore scatenante per sviluppare una motivazione sufficiente per questo processo. Tuttavia, un momento al di fuori di una crisi è utile, poiché in tale situazione abbiamo più spazio per il cambiamento.

Aiuto le persone a scoprire le proprie risorse. Progettiamo questo percorso insieme e l'autonomia del cliente è sempre preservata. Tuttavia, è importante rendersi conto che anche noi scopriamo aspetti difficili e affrontiamo situazioni dolorose. Ma anche queste fasi fanno parte del coaching. Cerco di accompagnare attivamente il processo e di portare con me i ricordi difficili. Il cliente non viaggia da solo, ma può essere consapevole che io sono a bordo.

Come si fa a sapere se si è trovato lo psicologo giusto? E qual’è il modo migliore per affrontarlo se qualcosa non va bene?

Questa è una domanda importante e Aepsy dà a questo processo lo spazio necessario. Credo sia fondamentale che il cliente faccia i conti con le proprie esigenze. La considerazione: "Di cosa ho bisogno?" dovrebbe essere sempre presente.

Una prima chiamata per presentarsi permette di capire se ci si sente a proprio agio, rispettati e valorizzati. Naturalmente, anche la questione della competenza dovrebbe essere affrontata. Tuttavia, per il successo di una sessione di coaching è particolarmente importante potersi aprire. Per questo motivo, nelle prime tre sessioni si dovrebbe discutere consapevolmente se il feeling è giusto per il cliente. Si tratta di una questione molto soggettiva e non può essere spiegata nei minimi dettagli, per questo il cliente dovrebbe ascoltare solo la propria intuizione.

Come coach, cerco anche di capire se l'argomento è adatto alla mia esperienza e a me stessa fin dal primo messaggio. Durante le chiamate introduttive, mi capita spesso di sentire che questa visione viene corretta, e ne sono assolutamente aperta. Do spazio anche al mio istinto e lo prendo sul serio. Considero se posso immaginare di lavorare insieme.

Quale consiglio vorrebbe dare ai nostri lettori?

Scopriamo di cosa abbiamo dentro solo durante il nostro viaggio verso noi stessi. E citando le parole del Piccolo Principe: "Si vede bene solo con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi".

Come è arrivata ad Aepsy?

(Purtroppo) ho imparato a davvero apprezzare il potenziale del lavoro online solo durante il periodo del coronavirus. Prima di allora, sono stata a lungo critica del fatto che la componente relazionale non venisse trasmessa online. Poi sono stata costretta a condurre la maggior parte delle mie conversazioni online. Questo "salto nell'acqua" mi è sembrato giusto e, soprattutto, ero entusiasta di ciò che era possibile fare.

In quel periodo, mi sono occupata per un po' di tempo di nuove visioni per il futuro. È stato allora che ho scoperto Aepsy e mi sono iscritta spontaneamente. Offerte come Aepsy rendono più facile fare spazio alla propria salute mentale nonostante gli impegni.

Abbino la consulenza di persona con quella online e trovo che sia un grande arricchimento. Apprezzo entrambi i tipi di consulenza e mi piace la varietà. In generale, il lavoro online mi offre molta libertà personale e flessibilità. Inoltre, la parte amministrativa è notevolmente ridotta e l'acquisizione dei clienti è affidata ad Aepsy.

about-mignon-image.jpg](https://storage.googleapis.com/cms-prod.aepsy.com/1701425483824_about-mignon-image.jpg)

Informazioni su Mignon

Mignon Burkhart lavora come terapeuta e consulente da quasi quindici anni. Dopo gli studi in psicologia, ha lavorato inizialmente in ospedale e poi si è trasferita nel proprio studio. Nel suo lavoro con i clienti, è specializzata nello sviluppo personale, nelle sfide professionali, nelle relazioni e nella genitorialità. Con Aepsy, abbina il lavoro di persona con le conversazioni online e supporta i suoi clienti nelle aree della consulenza psicologica, del coaching psicologico e della consulenza di carriera.

Rimanete aggiornati 👇

Se c'è qualcosa importante da annunciare, ci fa piacere informarti per e-mail. Se vuoi essere il primo a saperlo, iscriviti con il tuo indirizzo e-mail.

La vostra privacy è importante per noi. Massima protezione, mai spam.

Sarah from Aepsy

Aepsy ist menschliche Kreativität, Ästhetik und Technologie für einfachen, stigmafreien Zugang zu mentaler Gesundheit. Wir reissen Hürden ein und setzten Köpfe frei. Bis alle mental befreit ihren Träumen folgen können. Für uns, für dich und die Generationen nach uns.

Questo sito web utilizza i cookie.